Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto xiv. 103


E mai più non vivrai: già ruppe il fato
95L’amor che mi giurasti. Allor d’angoscia
Gridar volendo, e spasimando, e pregne
Di sconsolato pianto le pupille,
Dal sonno mi disciolsi. Ella ne gli occhi
Pur mi restava, e ne l’incerto raggio
100Del Sol vederla io mi credeva ancora.