Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

159

XXIII.


IL SABATO


del villaggio.



La donzelletta vien da la campagna,
In sul calar del sole,
Col suo fascio de l’erba; e reca in mano
Un mazzolin di rose e di viole,
5Onde, siccome suole,
Ornare ella si appresta
Dimani, al dì di festa, il petto e il crine.
Siede con le vicine
Su la scala a filar la vecchierella,
10Incontro là dove si perde il giorno;
E novellando vien del suo buon tempo,
Quando a i dì de la festa ella si ornava,
Ed ancor sana e snella
Solea danzar la sera intra di quei
15Ch’ebbe compagni de l’età più bella.
Già tutta l’aria imbruna,
Torna azzurro il sereno, e tornan l’ombre