Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XII.


LA SERA


DEL GIORNO FESTIVO.


Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E queta in mezzo a gli orti e sovra i tetti
La luna si riposa, e le montagne
Si discopron da lungi. O donna mia,
5Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa:
Tu dormi, che t’accolse agevol sonno
Ne le tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non pensi o stimi
10Quanta piaga m’apristi in mezzo al petto.
Tu dormi: io questo ciel, che sì benigno
Appare in vista, a salutar m’affaccio,
E l’antica natura onnipossente,
Che mi fece a l’affanno. A te la speme
15Nego, mi disse, anche la speme; e d’altro
Non brillin gli occhi tuoi fuor che di pianto.
Questo dì fu solenne: or da’ trastulli