Pagina:Leopardi - Canzoni, Nobili, Bologna 1824.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(189)


composte o derivate, ciascheduna delle quali comincia o deriva dalla suddetta parola.


14. E pervicace ingegno.


Qui non vale semplicemente ostinato e che dura e insiste, ma oltre di ciò significa temerario e che vuol fare e conseguire quello che non gli tocca nè gli conviene. Orazio nell’Ode terza del terzo libro1: Non haec iocosae conveniunt lyrae. Quo, Musa, lendis? desine PERVICAX Referre sermones deorum, et Magna modis tenuare parvis. Vedi ancora la diciannovesima del secondo libro2, nella quale pervicaces viene a inferire petulantes, procaces e, come dichiarano le glosse d’Acrone, protervas ma è pigliato in buona parte. E noto l’uno e l’altro luogo d’Orazio perchè non sono avvertiti dal Forcellini e perchè la voce pervicax, a guardarla sottilmente, non dice in questi due luoghi quel medesimo ch’ella dice negli esempi recati da esso Forcellini.

  1. v. 69.
  2. v. 9.