Pagina:Leopardi - Idilli, manoscritto, Napoli, 1819-1821.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12.

Di sconsolato pianto le pupille,
Dal sonno mi disciolsi. Ella ne gli occhi
Pur mi restava, e ne l’incerto raggio
                                          credeva
Del Sol vederla io mi [pensava] ancora.


Idillio
v
La [V]ita solitaria


        La mattutina pioggia, allor che l’ale
Battendo esulta ne la chiusa stanza
La gallinella, ed al balcon s’affaccia
L’abitator de’ campi, e il Sol che nasce
I suoi trepidi rai fra le cadenti
Stille tramanda, a la capanna mia
Dolcemente picchiando, mi risveglia;
E sorgo, e i lievi nugoletti, e ’l primo
Degli augelli susurro, e l’aura fresca,
E le ridenti piagge benedico;
 Poichè
[Perchè] voi, cittadine infauste mura,
Vidi e conobbi assai, dove si piglia
Lo sventurato a scherno; e [sf] sventurato
Io nacqui, e tal morrò, deh [presto]!
                                                tosto
lo vivo, e tal morrà, deh [presto]! Alcuna
Ben che1
Benchè scarsa pietà pur mi concede

  1. Tra parentesi di traverso sul margine destro.