Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/373

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DIALOGO DI UN LETTORE DI UMANITÀ

E DI SALLUSTIO

LET. Figliuoli, questo luogo del testo non mi contenta; e ve ne ammonisco acciocché l'autorità di Sallustio non 5 v’induca in errore.

SAL. Che si va mormorando dei fatti miei? Se avessi saputo che l’invidia non muore in mille novecent’anni, io toglieva d’essere invidioso piuttosto che eccellente.

LET. Chi sei tu? 10

SAL. L’autore che tu hai nelle mani.

LET. Tu vuoi dire l’autor del libro che ho nelle mani, ma per amore di brevità non hai rispetto a darmiti in pugno personalmente. Or come sei tu qui? Ma comunque ci sii, non rileva. Io vorrei che tu mi sciogliessi una diffi- 15 coltà che mi nasce in un passo qui dell’aringa che tu fai sotto nome di Catilina quando sta per dare la battaglia alle genti del proconsole. Il passo è questo: Quapropter vos monco uti forti atque parato animo sitis, et quum proelium inibitis memineritis vos divitìas, decus, gloriam, praeterea 20 libertatem atque patriam in dextris vestris portare. Dimmi: alla scuola di Nigidiano o di Fausta, o pure in Numidia al tempo che attendevi a far bene ai popoli sgravandoli del loro avere, o dove e quando si sia, studiasti tu di rettorica? 25

SAL. Cosi studiassi tu d’etica. Che dimande sono coteste?