Pagina:Leopardi - Paralipomeni della Batracomiomachia, Laterza, 1921.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


APPRESSAMENTO DELLA MORTE 6l T’amai nel mondo tristo, o sommo Amore, innanzi a tutto, e fu quando peccai, 105 colpa di fral, non di perverso core. O Vergin Diva, se prosteso mai caddi in sembrarti, a questo mondo basso, se mai ti dissi Madre e se t’amai, deh! tu soccorri lo spirito lasso no quando de l’ore udrà l’ultimo suono, deh tu m’aita ne l’orrendo passo. O Padre, o Redentor, se tuo perdono vestirà l’alma, si ch’io mora e poi venga timido spirto anzi a tuo trono; 115 e se ’1 mondo cangiar co* premi tuoi deggio morendo e con tua santa schiera, giunga ’1 sospir di morte, e poi che ’1 vuoi, mi copra un sasso, e mia memoria péra.