Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
102 i. puerili

XV

Per un canarino ad un poeta.


     Ben di te stesso immago
si amabil augellin
può dirsi; egli, che sempre
la sera ed il mattin
all'aure gode spargere
delle sue voci il suon.
     Di te, che, non mai stanco,
colla maestra man
tratti le corde aurate,
e al verde colle e al pian
delle tue voci armoniche
insegni a risonar.


XVI


     Nel far versi, o Mopso, invero
più di me veloce sei;
pure i tuoi pria che tu mora
forse morran, mentre vivranno i miei.
Giusto è ben, né alcuno il nega,
che ciò che costa più, più duri ancora.


XVII


     In un pozzo gittossi or or Narcisso,
né biasimarlo io so; forse egli volle
Clelia al fiume imitar, Curzio all'abisso.