Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ix. agl'italiani 165

delle nazioni, giura di non deporre le armi finché non abbia annientato il vostro potere, finché non abbia schiacciata l'idra antica, e ingiuriosa all'uman genere, della tirannia. Italiani, fratelli, compatriotti generosi e nobili, in questa guerra sacra, in cui tutta la cristianità si arma per la difesa dei suoi legittimi diritti, rimarrem noi spettatori neghittosi e tranquilli? No, non ci abbandoniamo per anco ad un riposo prematuro, che potrebbe esser pernicioso. Non aspettiamo di rallegrarci della caduta del tiranno e di esclamare contro la tirannia dopo che ella è distrutta1. Lanciamoci con ardore in mezzo alle falangi nemiche, combattiamo per la pace e per la felicità della patria, mostriamo a quel popolo inquieto e volubile che non senza rischio si provoca l'ira dell'Europa e si risveglia con tirannici trattamenti lo spirito addormentato delle nazioni. Benché governati da capi diversi, noi siamo animati da uno stesso entusiasmo; una è la causa che abbiamo a difendere. L'Europa, divisa in tante nazioni e in tante lingue, marcia ora sotto le stesse bandiere. Niuno de' nostri principi ricuserà di aver parte alla gloria di aver liberata l'Europa e la nazione dal dispotismo che le minaccia. La Francia e l'Italia, disse non ha guari un francese, dovrebbono rinunciare per sempre l'una all'altra2. Ancora un momento, francesi, e i vostri desidèri saranno adempiti. Noi verremo fra voi colla spada alla mano, noi combatteremo finché non avremo assicurato un riposo stabile alle nostre famiglie, una pace solida alla nostra patria, e poi vi abbandoneremo per sempre. Solo coll'abbandonarvi ricupereremo quella felicità che ci avete tolta e che il nostro valore e quello dell'Europa ci avranno ridonata.

  1. «E Filostrato: — Ti ammirerei — disse — se vivo lo avessi condannato. Accusare il tiranno ancor vivente è da uomo, perseguitarlo dopo la sua morte è da tutti». Filostrato, Vite dei sofisti, libro II, Vita di Eliano.
  2. «La France et l'Italie devraient enfin se connaître et renoncer pour toujours l'une à l'autre», M. de Chateaubriand, De Bonaparte et des Bourbons.