Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 i. puerili

ATTO SECONDO


SCENA PRIMA

Teodoto, Achilla.


Achilla.


Tutto disposi già. Del vinto stuolo
nulla a temer ci resta; esso atterrito
pallido, palpitante, e l'armi obblia,
380e alla fuga sol pensa; in ogni lato
prodi guerrieri al cenno mio son pronti.
Ferree sbarre di già le aenee porte
assicurar; fidi custodi all'uopo
disposi ovunque; al mio comando, a un tratto,
385schiuder le porte al vincitor d’innanzi
sarà lor cura: in ogni dove ad arte
finsi di guerra marziale aspetto,
onde dell'egiziano imbelle prence
deludere cosi le vane cure.
390Esulta il fier Pompeo, giubila e crede,
di stragi sitibondo, il crudo acciaro
tinger fra poco nel nemico sangue.
Vana speranza! Egli ben presto il ferro
rosso farà nel sangue suo. Già nulla
395s'oppone, amico, a'tuoi disegni: in breve
Alessandria vedrem sicura e lieta
plauder gioconda all’opre nostre, e alfine
quella pace goder, che or mesta e afflitta
chiede, e desia. Tu dell'Egitto, amico;