Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Igls, agosto. . . . .


Tutti i viaggiatori che credono fermamente di avere una fantasia brillante e un’anima poetica, disprezzano, con tutte le loro forze, quel libro legato di rosso che è la guida Baedeker: e ovunque si trovino, innanzi alle Piramidi di Ghizeh, o innanzi ai fjords della Norvegia, essi guardano con un sorriso di commiserazione tutti coloro che, semplicemente e umilmente portano con fedeltà, sotto il braccio, il loro volume rosso, che lo aprono spesso, che lo leggono attentamente. A questi viaggiatori, che hanno tanta fiducia nella potenza della loro immaginazione, basta aver letto il vecchio Itineraire de Paris à Jerusalem, per visitare la Pa-