Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

viii

come erano o che si sono mutati: una serie di visioni che la fantasia sogna novellamente, dopo dieci anni o dopo sei mesi: una serie di visioni che non sono più la realtà, forse, ma che furono una realtà: o una serie di visioni che, ancora, palpitano dì verità.

E, sovra tutto, non la descrizione precisa e netta delle vie, dei monumenti, delle chiese e dei musei: ma ciò che essi esprimono nel passato e nel presente: ma ciò che e lo spirito profondo e l’intimo fluido delle cose, che ebbero vita dal pensiero e dal sentimento: ma ciò che è l’anima degli uomini, sparsa dovunque, nelle memorie immote e nel volto delle persone.

La viaggiatrice non viaggia che per veder questo, per intender questo, per sentire questo. E voi pure, io credo, amico lettore.