Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search







Montecarlo, marzo....


Fallacia delle cose da lungi immaginate, sopra le favole di coloro che ve le narrarono!

Udendo parlare di questo paese sorto pel giuoco e dal giuoco, di questo ricchissimo palazzo — ricco, sontuoso, bello — innalzato solo perchè vi si giuochi, ogni giorno, per dodici ore al giorno, udendo che qui si perdono delle fortune e delle fortune si guadagnano, che vi è chi porta via due milioni e non vi ritorna più, mentre vi è chi giuoca, quì, l’ultima risorsa della sua vita, udendo tutto questo e altro ancora, voi pensate a non so quale bolgia di dannati dove, sui volti e nelle persone, nelle parole e negli atti, si traduca un costante spa-


13