Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nella città del sogno 317

Ebbene, a Parigi si mangia bene, molto bene, benissimo, per tutti i prezzi. I grandi alberghi per fare la concorrenza ai grandi restaurants hanno delle sontuose tables d’hóte a cinque, sei, sette lire; al Grand Hotel, in tavolini separati, anche non appartenendo all’albergo, si ha il pranzo elegantissimo, con un buon Medoc a otto lire per persona, e vi è anche musica; sui boulevards, qua e là, di sera, si legge, a lettere di fuoco, ai primi e ài secondi piani: diner francais, cinq francs; diner de Paris, quatre francs e così, anche meno, per le borse più modeste. Oltre i famosi restaurants a grossi prezzi che, come ho detto, non sono più di dieci o dodici, ve ne sono almeno altri cinquanta eleganti, di buona reputazione, sparsi nelle vie più centrali, dove il prezzo diventa più modesto, mentre la cucina resta buona. Oltre questi cinquanta, i cui


24