Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
368 lettere d’una viaggiatrice

e i bimbi vi danno un bacio. O alberghetto del villaggio d’Issime, il secondo dopo quello di Pont Saint-Martin, piccolo albergo d’Issime, perduto fra le montagne della grande, e la piccola Mologna, battuto dai venti, piccolo, bianco, dalle persianine verdi, pieno di garofanetti bianchi sulla minuscola terrazzina, piccolo albergo dove si sale a cavallo, dopo quattro ore di carrozza, da Pont Saint-Martin, si sale, piano, fra i sette od otto bimbi dell’albergatrice, mentre il cane ancora vi festeggia e i garofanetti, sotto il vento s’inchinano dal terrazzino, quasi per salutarvi ancora....


Tre ore di ferrovia e circa quattro ore di carrozza per giungere a due terzi da Gressoney, l’ultimo terzo, altre tre ore, si fa sul muletto. Dieci ore.... e che importa?.. Quando il cocchiere della vostra carrozza ha dato il primo colpo di frusta delle quattro ore, voi pazien-