Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/394

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search







Ayas, luglio...


Sparve la dolce valle di Gressoney, seducente di fresca lietezza, nella bionda luce del sole, seducente di glaciale tristezza, nelle fredde brume: resta come ricordo d’intima poesia, nella memoria, che di essa si piacerà più tardi, evocandola nelle scialbe e monotone giornate cittadine. Questa che da Verrès si innalza alla montagna, lungo il corso del fragoroso, del tumultuoso Evanson, è la valle di Challant. E a che domandare a sè stessi, per narrarlo in queste fuggevolissime impressioni, come si è qui venuti?..

Colui che è stato segretamente morso al cuore dall’appassionata e ostinata curiosità del vedere