Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/396

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l’alta parrocchia 389

burroni, ha una ampiezza di linee, una nobiltà di linee, una solennità di linee, che vi immerge in un silenzio lungo di contemplazione e di ammirazione.

La valle di Challant, maestosa e silente, non è forse anche quella dei castelli mediovali, che, sparsi in tutta la valle di Aosta, sono, qui, più belli, più saldi, più fantastici? Laggiù, prima di partire, nelle praterie, intorno a Verrès, noi abbiamo lasciato il {{w:Castello di Issogne|castello d’Issogne]]; più innanzi, salendo un poco nella valle, il castello di Verrès; a metà strada, dove già s’incomincia a vedere Brusson, sotto la bianca montagna che porta il nome di Becca di Torche, ecco il w:Castello di Grainescastello di Graines. Issogne deve la risurrezione al talento e all’amore di un pittore di gran talento; la rocca di Verrès sembra che ancora stenda i neri speroni delle sue fortificazioni, per garentire la città, sulle rive della Dora Baltea: il castello di Graines è così solingo, nell’alta valle, è così lontano, così battuto dagli aquiloni d’inverno e con l’eterno spettacolo delle nevi alpine, innanzi alle sue negre torri cadenti!...