Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/434

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

un principe 427

veranda di un albergo, discorrendo con amici, ascolti egli la messa, in un angolo recondito della chiesa parrocchiale, interroghi egli il cielo e le montagne, sulla porta del suo piccolo e modesto Châlet, assista egli ai lieti giri di un waltzer in un salone e vi partecipi egli sobriamente, ma graziosamente, quando che sia, voi troverete i suoi occhi pieni di un sogno senza confine..... Ah sì, egli compie tutti i suoi doveri di principe, di gentiluomo, di marinaio, di giovine, con semplicità e con grazia, con una correttezza perfetta; si, egli va, viene, discorre, partecipa alla vita della picciola Courmayer, senza nulla escludere di quel che convenga a un principe, che è anche un’anima di cortesia e di bontà: ma i suoi occhi, i suoi occhi, sono pieni di sogno. Che vede egli che gli altri non vedono, poiché i loro occhi mortali sono troppo abituati agli spettacoli volgari e bassi? Che cosa scorge egli, mentre di altro parla, di altro si occupa, che cosa scorge egli, che gli altri non potranno mai scorgere, poiché sono presi dalle cose quotidiane e meschine? Che desidera egli quando tace, quando pensa, mentre le agili