Pagina:Lezioni elementari di numismatica antica.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
10

Appartengono probabilmente ai giuochi del Circo, di cui ne rappresentano ordinariamente i simboli.

Altre denominazioni verran dichiarate nelle sezioni susseguenti.


§. VI.


Argomento delle Monete antiche.


L’argomento delle antiche monete consiste in ritratti, o immagini, ed iscrizioni che s’incontrano al loro diritto, e rovescio. Ben di rado il rovescio riman senza tipo. Spesso nel rovescio appare una concavità indeterminatamente suddivisa, come l’abbiamo veduta in quella del Peloponneso (tav. 1. n. 10.); ed è questo sempre un segnale della più remota antichità, quando cioè non si sapea per anco la maniera di coniare d’amendue i lati, siccome veggiam pure nell’infanzia della Tipografia, che non si sapea stampare il di dietro dello stesso foglio.


Imagini.


Il diritto mostra d’ordinario una testa sia di una Deità, sia di un Re o Imperatore ec.

I rovesci contengono la gradevole varietà di moltiplici oggetti, ben lontani dalla sterile monotonia, che tanto annoja nella moneta ordinaria de’ bassi, e de’ recenti tempi: Conviene però confessare che molte Cittadi e Re si attennero pertinacemente ad alcuni loro proprj tipi, come Atene alla sua Pallade, e alla sua Civetta; Apollonia, e Durazzo al loro Vitello lattante; Sibari al suo Bove, che guarda indietro; Alessandro alla Vittoria in piedi ovvero a Giove sedente, Lisimaco re di Tracia a Pallade assisa, i tre Tolommei di Egitto al loro Aquilotto. Quì hanno pur luogo non pochi tipi assolutamente nazionali. La Sicilia rappresenta ogni tratto, la sua Trinacria a indicazione dei tre promontori Peloro, Pachino, e Lilibeo, ciascun de’ quali difende una punta di quell’isola triangolare (tav. 2. n. 8.). I Beozj producono il loro scudo intagliato (tav. 6. n. 1.). I Macedonj lo scudo contornato di altri piccoli scudi ovali (tav. 6. n. 1.). Altre nazioni ostentano i Nazionali prodotti loro, per esempio l’Egitto il Cocodrillo, la Fenicia una Palma, Cirene la preziosa pianta Laserpicium. Anche i Greci dilettavansi di tipi allusivi al