Pagina:Lucrezio e Fedro.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

157

DELLE


F A V O L E


DI FEDRO


LIBERTO D’AUGUSTO



LIBRO PRIMO.


PROLOGO


COn metro umil, nè a dure leggi avvinto,
     Ciò ch’Esopo inventò, resi più adorno.
     Due pregi ha il libricciuol; il riso move,
     E con saggio consiglio il viver regge.
     5Se’ alcun mi rechi a biasmo che le piante,
     Non che le fiere, abbia a parlare indotto;
     Che son finti racconti gli sovvenga.