Pagina:Luigi Barzini - Al fronte (maggio-ottobre 1915).djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 morale altissimo


che guardavano e l’Italia schiava, passava da anima ad anima un dialogo prodigioso e mulo: Venite! — Eccoci!

E l’ora suonò.

Nessuno l’avrebbe immaginata così bella.

Cominciò un movimento di stati maggiori nella notte. Un rombare di automobili destò le città verso le tre del mattino. Uno scoppiettìo di motociclette si disperse nelle tenebre verso mète ignote. Poi in tutti gli accampamenti, nei villaggi, nei centri di deposito squillarono segnali di tromba. L’allegro ritornello della sveglia chiamava e rispondeva sulla campagna buia. Era la diana dell’Italia.

Fu un’onda di febbre e di gioia. L’aurora trovò l’esercito pronto. Mai la rapidità e l’ordine furono così uniti. Le cavallerie in sella, le fanterie schierate, le artiglierie attaccate, e, indietro, tutti i servizi, tutti i convogli, le salmerie, le ambulanze, aspettavano l’ordine d’avanzata. Ogni ufficiale conosceva il suo compito preciso, ogni unità aveva il suo obbiettivo, la grande macchina stava per muoversi, regolare e formidabile.

Le avanguardie partirono incontro all’aurora. Il sole sorgeva immane e rosso, e tutto il mondo si tingeva di rosa. Drappelli di ciclisti scivolavano lentamente in esplorazione sulle strade deserte della pianura friulana in tutta la rete della frontiera. Altrove erano pattuglie di cavalleria che inoltravano verso l’Isonzo. Alcune