Pagina:Macbeth.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 MACBETH
macbeth.
Maladetta
La lingua che mel dice! ella mi ruba
Quanto di meglio possedea, l’ardire!
Misero chi s’affida alle bugiarde
Profezie dell’inferno! Ambiguo senso,
Che ci adesca e tradisce, in lor si :chiude;
tengon fede all’orecchio, e le speranze
Deludono del cor.-.No! Misurarmi
Teco io non vo’
macduff.
Mi cedi adunque il brando,
Vile! e gioco, spettacolo diventa
Della plebe. Sì, sì! l’effige tua,
Come d’un raro mostro, ad una picca
Sospendere vogliam con tal leggenda:
«Qui si vede il tiranno!»
macbeth.
Io non m’arrendo,
Io non piego il ginocchio a quell’imberbe
Malcomo; nè bersaglio ai vili oltraggi
Mi farò della plebe. Ancor che il bosco
Di Biràm s’avvicini a Dusinana,
Ancor che tu dall’alvo della madre,
Svelto fossi immaturo, io la suprema
Farò delle mie prove, e schermo solo
Mi sarà d’ora in poi la buona tempra
Di questo scudo. Assalimi, ferisci!