Pagina:Maineri - L'adolescenza, Milano, 1876.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 20 —


ma quando venne assicurata che questo era un desiderio dello stesso ministro, il quale nelle sue lettere chiedeva sempre di lei, non seppe lungamente resistere al desiderio di rivederlo, e diede una cortese adesione. Quantunque avesse oltrepassato i quarant’anni, era ancora una bella donna, e poteva piacere a chiunque, e tanto maggiormente al ministro, il quale, trovandola libera, potrebbe forse risolversi a terminare lodevolmente un romanzo incominciato a vent’anni, sospeso come l’appendice d’un giornale, per motivo della politica, mentre probabilmente dopo l'ultima riga, il desiderio aveva scritto la solita frase: sarà continuato.

Cosi il villaggio si apparecchiava a ricevere Sua Eccellenza, che pretendeva di giungere nel più stretto incognito, mentre a sua insaputa tutti i giornali annunziavano il suo viaggio, che suscitava diverse passioni, facendo sperare impieghi e onorificenze, risvegliando vecchi amori assopiti, minacciando di rompere il filo di nuove affezioni, germogliate sul ceppo delle antiche. Qualche corrispondente dei più accreditati periodici, non avendo niente da raccontare agli ingenui lettori, si era anche immaginato di attribuire un motivo politico al viaggio del ministrò; e l’opposizione faceva degli articoli di fondo, e dava dei consigli al governo sull’argomento.

Intanto il ministro aveva presa una vettura chiusa, e per maggiore precauzione aveva abbassate le ten-