Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 ricordi delle alpi.


Un forte singhiozzo fu la mia risposta; poi continuò fioco e solenne.

— Oh!... ecco l’altra vita.... Come sentomi leggiero!... Se di là i destini umani sonoconosciuti, scenderò sul tuo capezzale per aprirti que’della patria, e i miei....

Alcuni momenti dopo, Enrico era spirato.


Eccoti un a storia ben dolorosa, amico; te l’ho narrata in tutta la sua integrità per debito di coscienza, per religione di affetti: la sventura accadde or sono otto giorni, ma io te ne differii l’annunzio perchè se ne mitigasse alquanto l’amarezza dello spirito.

Lo seppellimmo poveramente, con l'umiltà di chi crede e di chi spera. Un drappello di conoscenti e d’amici si raccolse sulla sua tomba e gli diede l’ultimo vale; poi vi piantammo la croce, che dice il suo nome e segna una data,...

Sia pace alle sue ossa!

Amen!

Addio, carissimo, sta sano, e raccogii dal dolore alimento di forza e di perseveranza: rammentami, e sii certo che ho sempre la tua immagine nell’anima e nel cuore. Vale.

Genova, 1° settembre.

Riccardo.»