Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 ricordi delle alpi.


una donna; fu di quegli affetti, cke dominano tutte le potenze, dalla loro più pura e ordinata attività alle più deplorevoli aberrazioni della pazzia.

Per me, ell’era la Stella sorridente nel deserto affannoso della vita: i ghiacci eterni della Siberia si sarebbero per lei convertiti in oasi deliziosa, e le arene infuocate dell’Africa in un eterno giardino di primavera. Che cosa non avrei per essa obbliato? tutto! — e fu questa piena confidenza nell’umana creatura, che mi ha punito.

Preso alla magia della sua persona, l'amore innocentemente succhiato e incautamente offerte filtrò per ogni fibra, quasi elemento essenziale della vita. Ho creduto, troppo creduto alla santità della parola; perchè rammaricarsi? Il primo bacio dell’amore è il primo sorriso della vita, perchè l'amore è fede, è gioia e anelito supremo del bene.

Pure, quella non fu che una larva, un sogno che rimane nello spirito come un rimorso: febbri di quegl’istanti, immagini luminose della mente, desio, promesse, che siete voi mai? — Perchè l’amore splenda eternamente bello e eternamente nuovo, bisogna si sollevi in alto, verso il cielo, dal quale scende ed al quale ritorna, centro e periferia di tutte le umane cose, anima, vita e bellezza dell'universo.