Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 ricordi delle alpi.


vittoria è il fine supremo dell’uomo. Non è vile chi cade, ma chi non risorge; per la donna non vi è che quest’unico pregio: purità e candore.

Questo il primo foglio, che avea per titolo: Un disinganno: i due successivi, intitolati: Pensieri, erano del seguente tenore:

Sii fedele all’amicizia, perchè non vi è tesoro più prezioso di essa: quanti dolori possono essere allontanati da un suo consiglio, alleviati da una sua parola.

Allontanati dai cattivi compagni: le prime e più funeste cadute derivano per lo più dal cattivo esempio. Se vuoi conoscere un uomo, bada alle sue relazioni e alle sue amicizie.

Quanto sono care le memorie dei primi anni! esse collegansi a’ più santi nostri piaceri, quelli dell’innocenza; — felice chi si può pascere in esse senza rossore e senza rimorso!