Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120 ricordi delle alpi.


cognizioni dell’intelletto non potranno sostituirsi mai al vuoto, che le desta in cuore la privazione del suo più bello attributo. La gioventù e la bellezza, fugaci, non le toglieranno l’amaro della noia, onde sarà tribolata nelle ore della sua tarda solitudine.

La bellezza della donna bionda è splendida, quella della bruna fervida: la prima trae alla spiritualità, la seconda alla sensualità; — ma questi criteri devono accogliersi con prudenza, chè nulla è più facile a ingannarci delle esteriori forme femminili.

L’educazione e la coltura compiono tutto quanto v’ha di più caro e geniale nella donna; ma le letterate di professione diventano più tediose del fumo negli occhi: le filosofesse, ridicolissima caricatura.

Una cosa sola riesce inesplicabile nella donna, l’ateismo.

La prima fede dev’essere in noi stessi.