Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la sovenda. 135


allo scivolamento deir accattastato legname. E allora sono scene fantastiche, degne di queste alpine regioni!

Cessato del tutto il lavoro, cotesta via temporanea viene distrutta, rotolandosene al basso, man mano che si procede, i tronconi, ond’è composta.

I legni accatastati nella valle sono poi scelti da’compratori secondo le varie loro qualità, e in parte tradotti sui luogo in tavole mercè apposite seghe ad acqua, o spediti altrove; in parte destinati a usi d’arte e d’industria, secondo gl’interessi degli speculatori.

Gli operai o borrellaj, come quivi li dicono, che a giuste distanze stanno a guardia della sovenda o suolo, vengono per lo più da poveri comuni della provincia, costretti a migrare gran parte dell’anno in cerca di lavoro per procurarsi una meschina esistenza.

Vigorosi e probi, stanno paghi alla fatica di quei giorni, e non è rado udirne canti o canzoni, e rammentare la lontananza de’loro cari.

Nè manca loro la poetica semplicità del costume! Un piccolo cappello di feltro annodato al mento; un giubbone scuro, buttato sopra le spalle; calzoni stretti a’fianchi da una ciarpa di lana, verde o rossa, le cui nappe o fiocchi dondolano alla loro destra;