Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144 ricordi delle alpi.


mi pigliano facili, proprio quando meno ci penso.

— Insomma, ce la narri si o no, gridava un milite, qualche storia? a che obbligarci a preghiere? ne hai delle belle tu, e lo sappiamo. Eccoti, alla tua salute!» e gli riporgeva il bicchiere colmo di vino.

I compagni di Tonio, come non si addassero di quanto succedeva loro d’intorno, proseguendo a giuocar di ganascie, facevano scomparire quanto lor capitava dinanzi sulla tavola; tutti erano attenti al gobbo, e ii lasciavano fare con la massima libertà.

Questi riprese il bicchiere e, augurando una volta ancora alla salute degli astanti, lo tracannò d’un fiato; poi disse: — Dunque desiderano una storia o una canzone?

— Una storia, sclamarono alcuni.

— Una canzone, replicarono altri.

— Ma prima devi dire, notò un terzo, qualche cosa della canzone della Lena; non ti si può mai cavar nulla di bocca, diavolo!

— Ci direte, Tonio, (m’intromisi io per la prima volta) quel che vi comodi più: la bontà di questi signori è pari al deslo di sentire da voi qualche coserella: e m’inchinai interrogando con atto di gentil deferenza l’onesta brigata.

— Ben parlato, gridarono a coro, ben par-