Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52 ricordi delle alpi.

               Che in grembo raccoglieva il santo seme
               Dei figliuoli di Dio, vasta progenie
               D’ottimi nati, che cammin non fece
               Nel consiglio degli empi: a lor fu vaga
               Giocondissima stanza il giovin mondo,
               E incominciossi un vero secol d’oro1...

IX.

Il Mare

«Pera colui, che primo al mar commise
Legno, e raccolse in fragil vela i venti.
Non padre a lui, nè bella madre rise
Allor che gli occhi aperse in fra i viventL
Sotto l’alte onde, ch’ei primier divise.
Giaccia il rio nome, nè di dolci accenti
Musa risvegli mai l’empia memoria,
Nè nota il segni di verace storia.»

Camoens, I Lusiadi, C. IV.


Da oriente, festosa come ala di cigno remigante, la prima vela conturbò la faccia del mare, entro i cui gorghi fu udito un cupo lamento: la sete delle scoperte, o la curiosità più innocente si convertiva in sete di lucri e d’ambizione; onde all’apparire di questi conati seguia la morte con lo sterminato esercito de’ suoi mali.

  1. Terenzio Mamiani: I Patriarchi.