Pagina:Malombra.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
— 12 —
 


— Oh, c’è, c’è, — rispose il vetturale saltando a terra. — Se comanda, signore, è qui. Pagato, signore. S’è per un bicchiere, signore. Lei è buon padrone, nessuno le può dir niente. Tante grazie. Ehi, piglia la borsa del signore. Felice notte. Ih!

— Il signor Silla? — disse l’uomo dalla lanterna, un domestico, all’aspetto.

— Appunto.

— Servito, signore.

S’avviò silenzioso, con la borsa nella destra e la lanterna nella sinistra, giù per un viottolo fiancheggiato di rozzi muricciuoli, dove la luce balzellante saltava e guizzava, cacciandosi avanti, traendosi dietro le più nere tenebre.

Invano il signor Silla guardava curiosamente al di sopra dei muri; appena poteva discernere qualche fantasma d’albero proteso dal pendio, a braccia sparse, in atto di stupore e di supplica. Un tocco vibrato di campanello lo fe’ trasalire; la guida s’era fermata a un cancello di ferro. Tosto qualcuno aperse;» ciottoli del viottolo, la soglia del cancello furono inghiottiti dall’ombra; ora passava sotto la lanterna una sabbia fine fine e, ai lati, negre piante dai rami folti, impenetrabili. Dopo la sabbia, erba e vestigia incerte di un sentiero tra un denso fogliame di viti: poi larghi scalini nerastri, sconnessi, a cui si giungeva di fianco. Non se ne vedeva nè principio nè fine; solo si udiva verso l’alto e verso il basso un discorrer modesto di acqua cadente. La guida scendeva cauta per quelle pietre mal ferme che rendevano un suono metallico. Nella fioca luce della lanterna apparivano, a intervalli regolari, due tronchi enormi e due grigie figure umane, ritte, immobili a fianco della scalinata. Finalmente gli scalini cessavano, minuta ghiaia rosea passava sotto la lanterna, grandi foglie di arum le passavano a fianco, e lì presso, nel buio, uno zampillo gorgogliava quietamente il suo racconto blando. La guida