Pagina:Malombra.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 190 —

sua ingenuità, Edith non l’avesse a capire. S’affrettò di soggiungere che sperava poter vedere presto il signor curato.

— Ma papà, — disse Edith fermandosi su’ due piedi e fissando i suoi begli occhi gravi in quelli di suo padre, — possiamo noi restar qui?

Steinegge cadde dalle nuvole. Non aveva ancora pensato a questo. La felicità d’aver seco sua figlia oscurava nella sua mente ogni pensiero dell’avvenire. Edith, col suo delicato e acuto senso delle cose, dovette ricondurlo dalle nuvole in terra, fargli comprendere com’ella non potesse lungamente approfittare della ospitalità del conte, presa prima che offerta. Disse che le doleva essergli causa di questo e forse di altri sacrifici ancora; e rise dolcemente nel vedere a questo punto suo padre gittar l’ombrello ed afferrarle, stringerle le mani senza poter articolar parola. — Hai ragione, caro papà — diss’ella — temo di essere una giovane ipocrita. — Allora gli raccontò che quel signore della legazione prussiana le aveva consigliato di por dimora a Milano, dove c’era una numerosa colonia tedesca, molto ricca e legata alla cittadinanza. Affiderebbero a una buona banca il tesoro dei Nibelunghi, come chiamava la sua eredità; ella darebbe lezioni di tedesco e il signor papà vivrebbe come un caro vecchio Kammerrath, collocato a pipare dopo lunghe fatiche. Piglierebbe un quartierino lontano dai rumori, alto se occorre, ma tutto aria e luce. Si farebbe cucina tedesca e il signor Kammerrath avrebbe ogni giorno a pranzo la sua birra di Vienna o di Monaco. Steinegge diventò rosso rosso e diede in un grande scoppio di riso agitando l’ombrello e gridando: — no, ah no, questo no. — Edith non sapeva che suo padre era un antico dispregiatore di tutte le birre più famose della gran patria tedesca. Intese quindi male quell’esclamazione e insistette, dicendo che si darebbero ben altri sfoggi d’opulenza. Nelle domeniche della buona stagione