Pagina:Malombra.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 18 —

così a cena! Bisogna sapere quanto costa di gridare — viva la libertà — e quanto vale, oh! Non parliamo!

Seguì un momento di silenzio.

— Lei è del Nassau? — disse Silla.

— Sì, ma lasciamo; questa è un’idea triste. Io non voglio idee tristi, io sono molto ilare adesso, molto felice, perchè voi mi piacete immensamente, sì, sì, sì, sì!

Batteva e ribatteva il mento al petto, come se avesse una molla nella nuca; scintille di riso gli schizzavano dagli occhi.

— Voi non partirete già domani? — diss’egli.

— Ma! Lo vorrei certo.

— Oh, il signor conte non vi lascerà.

— Perchè?

— Perchè io credo che vi vuole molto bene.

— Se non mi conosce neppure!

— Uuuh, ffff — sibilò Steinegge chiudendo del tutto gli occhi e chinandosi fino a metter la barba nel piatto, con le braccia allungate sotto la tavola. Pareva un testone di gnomo.

— Mi conosce? — disse Silla.

— Io credo che mi ha parlato di Voi, per un’ora oggi.

— E che cosa Le ha detto?

— Ah!— esclamò il segretario rizzandosi e alzando le mani al soffitto — non sono a questo punto, signor, non sono a questo punto. Vi è ancora posto per molto Sassella fra la vostra domanda e la mia risposta.

Diede di piglio alle due bottiglie, fece atto di pesarle, le scrollò e le depose. Erano vuote.

— Non vi è più amicizia — diss’egli sospirando — nè sincerità, nè cuore. È forse meglio di andare a letto, signor.


Benchè sul pianerottolo della scala, fra il primo e il secondo piano, un orologio da muro suonasse il tocco e mezzo, quando Silla si trovò nella stanza che gli era