Pagina:Malombra.djvu/304

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 300 —

strazioni di spirito, col presentimento angoscioso di un’ultima caduta irrimediabile, di un abisso che lo avrebbe finalmente inghiottito per sempre. Perchè in lui l’antagonismo dello spirito e dei sensi era così violento che il prevalere di una parte opprimeva l’altra. Non aveva mai conosciuto il giusto equilibrio dell’amore umano nè potuto trovar durevole corrispondenza di quell’affetto sublime e puro ch’egli invocava con angoscia quando Iddio si ritraeva da lui. Gli era toccata due volte la rara e inestimabile ventura di essere amato come voleva egli, col fuoco dell’anima. Uno di questi amori fu troncato subito da necessità fatali e ineluttabili; l’altro scomparve misteriosamente, lasciando Silla pieno di terrore, come se avesse veduta l’ombra e udito il sarcasmo del destino. La passione di sensi e di fantasia ispiratagli da Marina lo attraversò quale una vampa di polvere. Tornato a Milano, spense a forza il bruciante ricordo di lei in ostinati studi di greco e di filosofia religiosa alternati con un lavoro fantastico e uno studio morale. Non fu mai colto in quell’inverno dal cupo silenzio interiore che soleva precedere in lui le tempeste furiose dei sensi. Una così lunga tranquillità gli ritemprò lo spirito, gli rese quasi la freschezza dell’adolescenza; e ora, con lo sguardo e la dolce voce di Edith nel petto, egli si sentiva casto e potente, guardava in faccia all’avvenire aperto, vôto di fantasmi paurosi. Andava fra la gente colla voluttà del nuotatore gagliardo che fende da padrone la spuma e il fragore delle onde. Sentiva la stolta fede che sarebbe giunto un giorno a signoreggiar con l’ingegno quella folla così avida negli occhi di bellezza fisica, di piacere, ferma e densa intorno al fulgore dei gioielli, ferma e densa intorno alla ridente luce di certe altre vetrine, paradisi della gola; palpitante nel sinistro fascino dell’oro, abbrutita nelle cupidigie del ventre. Qual sogno opporsi a lei, sfidarne la viltà e la superbia, frustrarla in viso come una fiera, gittarla in-