Pagina:Malombra.djvu/359

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



CAPITOLO II.


Un mistero.


Il pranzo fu triste. Il padre Tosi si alzò da tavola subito dopo la minestra per andare dal conte, e non ritornò più. La contessa e Nepo mangiavano compunti. Il signor Vezza aveva voglia di chiacchierare, temendo che quel silenzio malinconico gli preparasse una digestione laboriosa. Scelse a interlocutore l’avvocato Mirovich e gli parlò di Venezia, de’ suoi amici di colà, del caffè e pannera in gelo, dell’Istituto Veneto e delle gondole, tirando in mezzo Virgilio per amore o per forza:


Convolsum remis, rostrisque tridentibus aequor.


L’avvocato si seccava e rispondeva corto, ma il commendatore tirava via a ronzare a ronzare, fra un boccone e l’altro, arrischiando qualche sorriso, tanto sano a pranzo. Silla taceva come i Salvador. La contessa lo squadrò ben bene fin dalla minestra, nel chinarsi sul cucchiaio, e poi ogni volta che il cameriere gli presentava le vivande. Ella soffriva evidentemente di dove tacere, gittava a Nepo delle occhiate espressive, che dicevano — parlo, non ne posso più — ma Nepo la fissava con i suoi grossi occhi miopi, le chiudeva la bocca.

Alla fine del pranzo venne la Giovanna, le disse all’orecchio che il padre Tosi si disponeva a partire e {{PieDiPagina|Malombra.