Pagina:Malombra.djvu/435

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 431 —

piccato.— Non adoperiamo parolone e riflettiamo un po’ di più. Lei crede in coscienza doversi costituir protettore della marchesina di Malombra! Non voglio esser severo con Lei perchè in affari di cuore non lo sono mai, e perchè dopo una notte simile, chi può avere la testa a segno? Ma mi spieghi un poco, scusi sa, che sorta di protezione può offrire alla marchesina? Ci pensi bene; una protezione poco efficace e poco onorevole, una protezione che le allontanerà tutte le altre. Perchè la marchesina ha dei parenti che l’assisteranno se non per affezione, almeno per un sentimento di decoro. Ma bisogna che Lei esca di scena. Vede, non è neanche il caso, parlando chiaro, del matrimonio per riparazione; con una donna che vi respinge? Con una donna, sopra tutto, che non ha la sua ragione intera? Dunque, cosa vuol far Lei qui? Lei non ha che a partire.

Silla lottava fieramente per serbarsi freddo, per soffocare un lume indistinto di speranza che gli entrava nel cuore, e poteva turbargli, in quel frangente, il giudizio.

— Sul Suo onore, signor Vezza — diss’egli — crede buono questo consiglio?

— Sul mio onore, lo credo l’unico. Ella potrà accertarsi delle disposizioni di donna Marina, parlando con lei stessa. Così giudicherà anche del suo stato di mente.

— Io? Nemmeno per sogno. Se partissi, non vorrei rivederla.

— Un momento. La marchesina mi ha pregato di riferirle questo nostro colloquio, ciò che farò con la debita discrezione; e mi ha pure espresso il desiderio di parlare, a ogni modo, con Lei.

— Perchè?

— Ma! Bisognerebbe domandarlo a lei. Vada, si faccia coraggio. Io ho il diritto, per la mia età, di parlarle come un padre, signor Silla. Mi spieghi questa cosa che non posso comprendere, ricordando una certa scena