Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[§ 101] introduz. alla scienza sociale 121

che sono malfattori, perchè vogliono distruggere la proprietà privata, è propriamente un ragionare in circolo, e prendere per giudice l’accusato. Simile errore sarebbe il voler giudicare le teorie dell’amore libero coi sentimenti di castità, di decenza, di pudore.

In una società ordinata in un certo modo, e dove esistono certi sentimenti A, si può ragionevolmente ritenere che una cosa B contraria a quei sentimenti possa essere nociva; ma, poichè l’esperienza ci fa conoscere che vi sono società ordinate in modo diverso, in una di queste possono esistere certi sentimenti C, favorevoli a B, e B può essere utile a tale società. Quindi, allorchè si propone B, per passare dal primo ordinamento al secondo, non si può più obbiettare che B è contrario ai sentimenti A che si trovano nel primo ordinamento.

Notisi poi, che l’universale consenso degli uomini, quando, per dannata ipotesi, si potesse conoscere, non vale a mutare quella conclusione; persino se si trascura la considerazione che l’universale consenso dell’oggi può non essere stato quello di ieri, nè rimanere quello di domani.

6.° Per persuadere alcuno in materia di scienza, occorre esporre fatti quanto più è possibile certi, e porli in relazione logica colle conseguenze che se ne vogliono trarre. Per persuadere alcuno in materia di sentimenti, e di tale genere sono quasi tutti i ragionamenti che si fanno sulla società e le istituzioni umane, occorre esporre fatti capaci di muovere i sentimenti, onde da questi sia suggerita la conclusione che se ne vuole trarre. È manifesto che quei due modi di ragionare sono interamente diversi.

Ecco un esempio. Il Brunetière, rispondendo a