Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/75

Da Wikisource.


che gli uomini nascono e rimangono liberi, eccetto nelle cose in cui sono soggetti; ed eguali in tutto, eccetto nelle cose in cui sono diseguali; cioè meno che nulla; e fermiamoci solo sulla proposizione che le distinzioni sociali non possono essere fondate che sull'utilità comune. Ciò ci giova ben poco per risolvere i quesiti dell'ordinamento sociale, e rimuove solo la difficoltà, che ora sta nel determinare quell'utilità comune. Basta leggere Aristotile per vedere come la schiavitù si possa difendere sostenendo che è d'utilità comune1; ed analoga difesa si può fare della feudalità, tanto odiata dai rivoluzionari che composero quella bella Déclaration. I presenti giacobini francesi ritengono giustificata dall'utilità comune la distinzione che fàuno fra cittadini appartenenti ad ordini religiosi cristiani, e cittadini appartenenti a loggie massoniche; ma gli ateniesi ritenevano egualmente fondata sull'utilità comune la distinzione che facevano tra l'uomo barbaro e il cittadino ateniese.

In sostanza, tutti quei ragionamenti pseudo-scientifici sono meno chiari ed hanno minor valore della massima cristiana che dice: ama il prossimo tuo come te stesso. Del resto tale massima appare in diverse epoche, e presso popoli assolutamente diversi, e trovasi anche nel Lun-Yu cinese2.

  1. Systèmes socialistes, II, p. 110.
  2. Lun-Yu o colloqui filosofici; Traduzione del Pauthier, I, 4, 15: « La doctrine de notre maître consiste unìquement à avoir la droiture du cœur et à aimer son prochain comme soi-méme ». Nota poi il traduttore:

    « Ou croira difficilement que nostre traduction soit exacte; cependant nous ne pensons pas que l'on puisse en faire une plus fidéle ».

    Anche nel Mahabharata è detto che si deve trattare altrui come vorremmo essere trattati. E massime più o meno simili si trovano presso molti popoli. Esse risultano da sentimenti di benevolenza verso altrui, e dal bisogno che prova l'uomo debole, per difendersi, di chiedere aiuti ai sentimenti di eguaglianza.