Pagina:Manzoni.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il manzoni poeta drammatico. 169

ciare sopra i suoi versi la storia de’ suoi amori, non ho potuto spiegarmi altrimenti, come in un dramma, dove l’amore non entrava, sia apparso l’unico tipo veramente poetico di una moglie ideale che ci presenti la poesia italiana, e che il Dramma stesso porti la seguente dedicazione glorificatrice:


alla diletta e venerata sua moglie
ENRICHETTA LUIGIA BLONDEL
la quale insieme con le affezioni coniugali
e con la sapienza materna
potè serbare un animo verginale
consacra questo Adelchi
l’autore
dolenti di non potere a più splendido
e a più durevole monumento
raccomandare il caro nome e la memoria
di tante virtù.
1
  1. Il prof. Corrado Gargiolli mi fa noto che una signora, nel dividersi da un giovane che era da lei amato e che si era sposato ad un’altra donna, riaperse l’Adelchi alla scena di Ermengarda morente, e bagnandola delle sue lacrime scrisse all’amante una lettera commovente d’addio. Il Manzoni, cui venne dal Gargiolli riferito il caso, se ne compiacque soggiungendo: «Quelle erano davvero preziose postille,» alludendo certamente alle lacrime, e al commento vivo che ne faceva il dolore di quell’abbandonata.