Pagina:Marinetti - Il tamburo di fuoco.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Mabima.

Quanto sei poeta, Kabango! Preferisco le strofe che improvvisi per me, a tutte quelle di Lanzirica.

Kabango.

Lanzirica ha uno spirito invischiato nelle scritture. Non è un poeta. È un medico, cioè il suddito devoto della regina Malattia! Troverò per te altre strofe d’amore, perchè la nostra notte sia colma d’ogni delizia. Sarà la notte più bella, forse l’ultima!

Mabima.

Cosa hai?

Kabango.

Ho sussultato involontariamente. Lunghi brividi fanno spasimare la foresta. Non temo nulla. Una forza lieta mi gonfia il cuore. Ma sento che non avremo forse più una notte d’amore come questa.

Mabima

entra nella capanna, e ne esce con un piccolo tappeto fra le mani.

Guarda! Guarda com’è bello! La luce cede

94