Pagina:Marinetti - La cucina futurista, 1932.djvu/97

Da Wikisource.

nerale sistema di vita, perchè, rompendo le abitudini, bisogna preparare il palato alle future alimentazioni. Se i cuochi accademici ci combattono per pura ragione di tecnica sono vinti: la loro opposizione di artigiani non può vincere la nostra forza di artisti. E le creazioni futuriste raggiungeranno perfezioni tecniche, mentre le vivande antiche, tecnicamente perfette, non si potranno rinnovare».


«la Taverna Santopalato decorata dall’architetto Diulgheroff e da me genererà una atmosfera che sarà il riassunto della vita meccanica moderna e sarà perciò «necessario» servire delle vivande nuove e in conseguenza futuriste».


«secondo la comoda teoria pacifista dei cuochi accademici neppure la pastasciutta sarebbe stata inventata: e si continuerebbe a mangiare come i romani antichi. Siamo invece giunti ad un momento in cui tutto deve rinnovarsi. Come si sono rinnovati i costumi, i trasporti, le arti, ecc., ecc. si arriverà anche al trionfo della cucina futurista. E d’altronde medici illustri e cuochi sapienti ci dànno ragione ed aderiscono alla nostra lotta».


«la Taverna Santopalato ha un proprietario e dei cuochi che la dirigeranno. Io e l’architetto Diulgheroff non ne curiamo che l’inaugurazione e il primo orientamento: siamo sicuri dell’intel-


[91]