Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/280

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Prima sintesi

Camera arredata modestamente in una pensione al pianterreno d’un quartiere popolare del porto di Bassabulà. Nella parete del fondo, una grande finestra s’apre su case sicomori. Moschea e minareto che dominano la strada vociante di Bar, Caffè, giuocatori di fama, venditori ambulanti e mendicanti. Nella parete del fondo una porta dà sul corridoio. Alla porta è sospesa una cassetta per le lettere che riceve dall’esterno. In primo piano alla destra dello spettatore, un divano basso. In primo piano a sinistra un tavolo coperto da tappeto, serve da scrittoio. Alla destra, tra il divano e la finestra, un paravento chiude a metà la tavola da toletta con specchio di Floflò. Quando si alza il sipario Floflò è davanti allo specchio e Musoduro curvo alla tavola-scrittoio. Verso sera.

Floflò

a Perlina:

Dimmi sinceramente, ti piace la mia veste? Non trovi che m’ingrossa? Ho fiducia nel tuo giudizio. Se non piace a te, la rifiuto.

Perlina

Floflò, credimi, ti sta bene e non t’ingrossa affatto.


279