Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/531

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Alata

avanzandosi e imponendo il silenzio con largo gesto:

Saluto il genio di Furr e dei Velocisti ma mi oppongo ad un’alleanza con loro. I Velocisti ci trascineranno nell’approssimativo. Difendiamo lo spazio conquistato e costruito. Il Velocismo strangolerà lo Spazialismo. Abbiamo distrutto il vecchio mondo per crearne uno perfetto e duraturo.

Voci


Parli Vasto! Decida Vasto! Vasto è il capo assoluto.

Furr

dopo aver salutato col braccio destro perpendicolare e trapanante lo zenit, si siede sui gradini ineguali del grande anfiteatro e invita i capi Velocisti a sedersi a destra e a sinistra:


Senza burocrazia o discussioni, Spaziali, accettate o rifiutate l’alleanza?

Vasto

avanzando verso Furr dopo averlo salutato collo stesso gesto del braccio destro trapanante lo zenit:


Noi accettiamo l’alleanza coi Velocisti. Ma esitiamo ad ammettere che le miscele del cemento spaziale siano preparate dai Mollenti.

Voci


Sono traditori! Traditori! Traditori!

Vif- Glin


Non temete. Li sorveglieremo. I Mollenti sono malati di Eterno quasi quanto voi. Se essi maltratteranno le miscele del


530