Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Lanzirica

con terrore:

Gli elefanti! Gli elefanti! Gli elefanti!

Kabango

Non gridare come un vile e accendi! Accendi presto i cespugli!

Lanzirica

Non ho paura, Kabango, ma certo essi non si fermeranno davanti ai nostri fuochi. Sono più di cento. Senti l’urto spaventoso delle loro fronti quadrate contro i tronchi! Eccoli, eccoli! Li vedo. Caricano, proboscide alzata, barrendo.

6 Trombarriti, 6 Crepitatori, 6 Scoppiatori.

Kabango

Non tremare, li vedo anch’io. Si fermeranno, devono fermarsi davanti ai nostri fuochi. Che meraviglioso spettacolo!

Bagamoio

Sono esasperati dalla resistenza dei baobab... I piedi sollevati da terra si inarcano... Le proboscidi si allacciano come braccia di lottatori...

Lanzirica

Il più grande calpesta il suolo con rabbia...

Mabima

Cosa mai ha afferrato? Sembra un uomo, quel groviglio nero in cima alla proboscide!


71