Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



79.Per risguardar chi sia, che si consuma
in note pur sí dolorose e meste,
rompendo in spessi circoli la spuma
molte Xinfe e Tritoni alzar le teste.
Ma vinti da quel Sol che Tacque alluma,
e tocchi il freddo sen d’ardor celeste,
per fuggir frettolosi, i bei cristalli
seminaro di perle, e di coralli.

80.Mentre lá dove il vertice s’estolle
de l’erta rupe è posta in tale stato,
novo sente spirar di lungo il colle
di mill’aure Sabee misto odorato,
indi d’un aere dilicato e molle
sibilar sussurrar placido fiato,
che dolcemente rincrespando Tonde,
fa tremar l’ombre, e sfrascolar le fronde.

81.Era Zefiro questi. Io giá, che ’ntento
altrove non avea l’occhio e ’l pensiero,
volsi far quel benigno amico vento
de le mie gioie essecutor Corriero.
flonfia la mobil gonna, e piano e lento
col suo tranquillo spirito leggiero
da la scoscesa e riiinosa balza
senz’alcun danno ei la solleva ed alza.

82.E colá presso, ove di fior dipinta
fa sponda al mar quella valletta erbosa,
e di giovani allori intorno è cinta,
sòavissimamente alfin la posa.
Qui da novo stupor confusa e vinta
su ’l fiorito pratel siede pensosa,
che fresco insieme e morbido le serba
tetto di fronde, e pavimento d’erba.