Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/285

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

le pitture e le sculture 273

XIII


PASQUINO


     Non cercar, tu che passi,
come favelli e scriva
una pietra insensibile e scolpita,
che de la mano e de la lingua è priva.
Fôra ancor poco a quest’etá cattiva,
poiché taccion color c’han voce e vita,
quand’io non sol parlassi,
ma parlando scoppiassi,
per romper con lo scoppio e testa e braccia
a chi mi fa parlare, e vuol ch’io taccia!

G. B. Marino, Poesie varie. 18