Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/303

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

versi di occasione 291

XVII


ALLA PRINCIPESSA DI STIGLIANO

che va in barca per la riviera di Posilipo.


     Non cosí bella mai per l’onda egea,
con le Grazie e gli Amori in schiera accolta,
lungo il lido di Cipro uscío talvolta,
la sua conca rotando, Citerea;
     come vid’io, non so se ninfa o dea,
in ricca poppa assisa, e bionda e folta
la chioma, a’ lievi zefiri disciolta,
sul legno d’Argo il vello d’òr parea.
     Sospiravano i venti e l’acque stesse,
al folgorar de la novella Aurora,
d’amorose faville erano impresse;
     e, curvandosi il mar sotto la prora,
con rauco mormorio parea dicesse:
— Ed io m’inchino a riverirla ancora. —


XVIII


AVVERSITÀ INASPETTATA


     Tacean sotto la notte austri e procelle,
pigro giacca senz’onda il mar Tirreno,
e lui ferían d’un tremolo baleno
le faci eterne a meraviglia belle.
     Splendea con chiare e lucide fiammelle
per entro il bel tranquillo il bel sereno;
ond’io, ch’apria co’ remi a l’acque il seno,
credea solcar lo ciel, gir per le stelle.
     La mia leggiadra piccioletta nave
quella parea, che ne’ celesti giri
piú di nembo o tempesta ira non pave:
     quando, da lo spirar de’ miei sospiri
gonfia la vela, un mar profondo e grave
mi sommerse di pianti e di martíri.