Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82 parte seconda

XIV


IL VELO E LE AURE


     Voi, che dal sen d’Amor dolci volate,
aure amorose, e di dolcezze pieno
l’aere intorno rendete, e per l’ameno
di queste piagge i balli a’ fior guidate,
     aure vaghe e leggiadre, aure odorate,
se dal volto del ciel puro e sereno
togliete i nembi, or voi dal crin, dal seno
questa del mio bel Sol nube sgombrate.
     E quelle fila d’òr lucide e bionde
e quelle vive e calde nevi omai
scoprite voi, ch’avaro vel m’asconde.
     Ma giá, vostra mercé, gli amati rai
ecco vegg’io, liet’aure, aure gioconde...
Cosí voi turbo o tuon non fieda mai!


XV


ALLE AURE


     Questo vaso d’amomo e questi acanti,
primo pregio d’april, queste odorate
rose ad un parto con l’aurora nate,
questo cesto di gigli e d’amaranti,
     a voi, de l’aria peregrine erranti,
fien sacri, aure felici, aure beate,
se, mentre per lo ciel l’ali spiegate,
vosco trarrete i preghi miei volanti;
     sí che questi, ch’io spargo, amari accenti
oda di lá, dove n’andate or voi,
Elpinia, e ’l flebil suon de’ miei lamenti.
     Ben avrete de l’opra il premio poi:
forza e vigor da’ miei sospiri ardenti,
grazia ed odor da’ dolci fiati suoi.