Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sonetti amorosi 87

XXIV


NELLA FUGA D’UN UCCELLO


     Ésca porgea di propria mano un giorno
a vezzoso usignuol Lilla cortese,
quando per l’uscio aperto il volo ei prese,
ed a l’aria natia fece ritorno.
     Con amaro sospir, che l’aure intorno
tutte d’amore e di pietate accese,
tardi e ’ndarno la destra al vento stese,
scolorando le rose al viso adorno.
     — Ove, a rischio di morte, in man nemica
ne vai — dicea con lagrimose note, —
e fuggi chi t’apprezza e ti nutrica? —
     L’augello udilla, e ’n spaziose rote
l’ali rivolse a la prigione antica:
tanto di bella donna il pianto pote.


XXV


LA SUA DONNA IN CARROZZA


     Non pari a quel, che del mio Sole intorno
per lo cielo d’Amor gira la luce,
portò giá mai vittorioso duce
carro superbo in trionfal ritorno;
     né tale è quel ch’a mezza notte adorno
d’aurati fregi e candidi riluce;
né quel ch’a noi da l’oriente adduce
di chiari lampi incoronato il giorno.
     Fortunati destrier, voi che traete
tanta beltá; rote beate e belle,
che co’ vostr’orbi i miei desir volgete;
     tra voi loco avess’io, ch’a le fiammelle
acceso il cor, di cui sí dolce ardete,
spererei, novo Elia, girne a le stelle!