Pagina:Martini - Trattato di architettura civile e militare, 1841, I.djvu/68

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48 vita

che adunati in consiglio gli operai del duomo il 19 aprile per la chiamata de’ due architetti, il prete Franchino de’ Gaffori, uomo da Cesare Cesariano lodatissiino per la sua eccellenza nella musica, offrissi spontaneo di andar a Mantova a torre il Fancelli: questi però, non so da qual motivo impedito, non si mosse; preterea (segue il documento) eligerunt mngistrum Caradossium de....(1) qui similiter se obtulit ut transferat (sic) ad magistrum franciscum de georgio in civitate Sene, quem sotiet in civitate mediolani pro adimplendo ordinationem iis superioribus diebus facta in domibus residentie R.mi d. archiepiscopi mediolani.

In calce alla lettera di Gian Galeazzo è notato che ricevella il comune di Siena il 10 maggio; gli fu risposto colla seguente che porta in testa xv maji 1490. Mediolani Duci scriptum est, nella quale è notevole la cura che dimostrano i Sanesi ripetendo alla patria loro l’architetto che il Duca ed i Milanesi avevano creduto urbinate; forse questi così avevano scritto per la lunga dimora di Francesco in Urbino, fors’anche i Feltreschi fatto lo avevano cittadino nel loro stato (2). Tanta est enim V. Ill. D. multis probata argumentis erga nos benivolentia, ut non modo ei aliquod denegare phas esse non arbitremur: verum si quid gratum facere contigerit nobis, nostris inservire comodis jure videremur, qua propter vestris acceptis literis, que magnam semper nobis afferunt jucunditatem, illico Franciscum haud Urbinatem, vero Senensem, concivem nostrum dilectum, nostraeque etatis optimum architectum, accersi jussimus; cui ut V. I. D. e vestigiis adeat, et illi haud secus ac nobis ipsis obtemperet, imperavimus: quem vestro desiderio facturum satis non du bitamus.

Nec nobis dubium est V. I. D., ut ipsa suis literis pollicetur, magnam liberalitatem experietur. Cuius architecti virtutem, et si per se ipsam comenderemus, pro ea tamen, qua cives nostros complectimur charitate, V. I. D. summopere commendamus. Sed quum multa inchoata reliquit ac nobis quoque eius architectonica ars quottidie usui evenit,

  1. Lacuna nel testo: leggasi de Papia, ed intendasi di Caradosso Foppa scultore: apparisce poi elle in vece sua vi sia andato Giovanni Antonio da Gessate.
  2. Arch. delle Riform., copialettere n.° 117. Gaye, docum. CXXVIII.